IMPLANTOLOGIA DI UN SINGOLO ELEMENTO IL 3.3

La durata dell’intervento è breve, la dose di anestesia è 1/2 fiala, nessun tipo di dolore. Possibile gonfiore post operatorio, Dieci giorni dopo si tolgono i punti di sutura nella mucosa corrispondente all’impianto. Si posiziona in dente provvisorio in Breflex, quest’ultimo è estetico e masticatorio, rimovibile per l’igiene orale. La sua durata è fino alla consegna della corona definitiva su impianto. Dopo 2 mesi, si inizia a preparare la parte superiore che accoglierà la corona in ceramica. Si chiama 2 fase chirurgica dove si scopre la mucosa gengivale sopra la zona implantare. Si avvita una vite di Guarigione che resterà fino alla consegna della corona definitiva, ovviamente coperta dal provvisorio mobile “Breflex”. A guarigione avvenuta si esegue l’impronta con un metodo digitale, o classico con pasta siliconata del pick up avvitato di riferimento su  l’impianto.

L’impronta poi, viene consegnata in laboratorio odontotecnico, che svilupperà la parte definitiva  detto pilastro o Abutment che verrà ricoperto da una corona  fusa in Titanio e avvitata su l’impianto, oppure una corona su pilastro poi cementata sull’abutment. La corona può essere rivestita da ceramica o essere unicamente in zirconia, che fa parte dei materiali “Metal free”, ovvero senza metalli.

Dalla fase di chirurgia implantare alla consegna in media passano 4 mesi, tutto nascosto sotto il provvisorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.